Nuova Zelanda vista da Paolo

 

Aotearoa

 

L'isola dalla grande nuvola

 

 

 

 

 

La Nuova Zelanda di Paolo

 

 

 

 

 

 

 

Tre viaggi in NUOVA ZELANDA e più di 14.000 km percorsi mi hanno aiutato a sentirmi parte di questo meraviglioso angolo del Pacifico Meridionale

 

 

 

 

 

Clicca     il LINK   sotto

 

 

 

 

 

 

 

 

 



Il mondo di Lia Donati

Dietro la performance.jpgContrasti.jpgCurve a Bilbao.jpgDettagli.jpgEnigmi della comunicazione.jpgLa vita e'.jpgLuci d'Islam.jpgMiraggio australiano.jpgOro australiano.jpgSogno difuga.jpgTramonto retro'.jpgUna porta sul cielo.jpg

 

inserito 25.12.2006

Il Galles visto da Paolo Seclì

IN FONDO I LINK PER VEDERE TUTTE LE FOTO di Paolo Seclì

                            inserito 03.03.2013 - aggiornato 11.01.2014

Il Galles (Wales in inglese, Cymru in gallese, parola che si pronuncia approssimativamente ‘camri’) si distende a ovest delle midlands inglesi e confina a sud con il canale di Bristol, mentre ad ovest si affaccia sul mare d’Irlanda: il porto settentrionale di Holyhead non è lontano da Dublino. Piovoso come il resto della Gran Bretagna non soffre di inverni particolarmente rigidi, né di estati dal caldo soffocante.

 

L’origine celtica del Galles e dei suoi abitanti è evidente in primo luogo per l'antica lingua, parlata tuttora diffusamente. I Gallesi sono perlopiù perfettamente bilingue e spesso fra di loro, almeno nelle zone meno turistiche, parlano orgogliosamente, per marcare la differenza con gli inglesi, la propria lingua madre nota anche come Cymraeg o Citrico, fra le lingue celtiche la più praticata al giorno d’oggi.

 

Ma profondamente celtico è anche lo stesso territorio che sovente ricorda Irlanda e Scozia. Il sud del Galles è caratterizzato da spiagge sabbiose molto estese, inframmezzate da basse scogliere, ed è meta dei villeggianti provenienti dall’Inghilterra. Il nord appare invece più selvaggio: il suolo di questa zona, sempre molto brullo, unisce la zona montagnosa di Snowdonia -nota anche come ‘le Welsh Highlands’ per la somiglianza a tratti evidente con il nord della Scozia- alle stupende scogliere dell’isola di Anglesey. Il suggestivo faro South Stack per  decine di anni ha salutato emigranti Irlandesi in terra britannica.

 

PER VEDERE IL GALLES VISTO DA PAOLO  CLICCA QUESTO LINK

 

                 https://picasaweb.google.com/paolosecli/Wales#slideshow/5784026390223562690

 

PER VEDERE TUTTE LE FOTO DI  PAOLO  CLICCA QUESTO LINK

 

                         https://plus.google.com/photos/117464311412071147690/albums/5877101360795352609?banner=pwa

 

 

I viaggi di Ely e Pasquale

MuleDeer.jpgalbatros.jpgarmadillo.jpgbalena.jpggrampo.jpgguanaco.jpgiguana.jpgleoni_marini.jpgmucca.jpgpinguini.jpgpulcinella_di_mare.jpgscoiattolo.jpg

 

inserito 30.09.2004

L'arcipelago delle Orcadi e le Highlands scozzesi di Paolo Seclì

inserito 31.12.2011

L’arcipelago delle Orcadi e le Highlands scozzesi sono la parte più settentrionale dell’isola Britannica (fanno eccezione le isole Shetland, a metà strada fra Scandinavia e Scozia). Se le Orcadi sono caratterizzate da morbide colline, da necropoli che risalgono a 5000 anni fa e da origini scandinave (San Magnus è la cattedrale di Kirkwall, capoluogo dell’arcipelago), le Highlands al contrario vedono i suggestivi glen e montagne più ripide buttarsi nell’Oceano Atlantico, mentre i loro abitanti hanno origini celtiche (condividono infatti con gli Irlandesi l’antica lingua gaelica). I loch (in gaelico scozzese il termine significa lago o anche, più in generale, una parte di mare circondata quasi integralmente dalla terra) e i castelli scozzesi delle antiche leggende sono la cornice più conosciuta di luoghi fra i più suggestivi dell’Europa settentrionale e sono stati teatro di battaglie fra Highlanders e Inglesi.

Il Donegal di Paolo Secli

 

inserito 26.11.2009

L'utilizzo degli scritti e delle immagini di questo sito WEB è libero e gratuito.

Si rilascia l'autorizzazione per eventuali usi ma si fa obbligo, senza alcun compenso, di indicare nome
e cognome degli autori. ( Art. 10 DLGS 154/97 )