Pamela Pinto, la musica che cattura

vai su you tube

Pamela.WEBPAMELA PINTO

La musica che cattura

Pianista, clavicembalista, compositrice, insegnante nella scuola secondaria, scrive per diverse testate giornalistiche, occupandosi del settore “Arte, musica & spettacolo”.

 

 Presentazione.web

 

CURRICULUM ARTISTICO

 

Diplomata al Conservatorio di Lecce in pianoforte e, successivamente, in musica antica - insegnamento principale: clavicembalo - con il massimo dei voti e la lode, sotto la guida del M° Corrado Nicola De Bernart, ha frequentato l’“Accademia Musicale Pescarese” e approfondito gli studi pianistici presso l’“Accademia Pianistica delle Marche” di Recanati con i maestri Lorenzo Di Bella e Gianluca Luisi, perfezionandosi con docenti di chiara fama e con i nomi più alti del concertismo internazionale, quali Sergio Perticaroli, Riccardo Risaliti, Bruno Bizzarri, Maurizio Baglini, Massimiliano Frani, Enrico Pace, Roberto Prosseda, Enrico Pompili, Roberto Cominati, Filippo Gamba, Walter Blankenheim, Andrea Padova, Enrico Degli Esposti Elisi, Piernarciso Masi, Piero Rattalino, Nazzareno Carusi.

 

Diplomata presso l'Istituto Magistrale "P.Siciliani" di Lecce, con il massimo dei voti, si è abilitata all'insegnamento secondario attraverso il concorso SSIS PUGLIA - indirizzo Musica e Spettacolo - presso l'Università degli studi di Bari, con il massimo del punteggio.

 

Nel 2005 è entrata a far parte del coro gregoriano "Cum jubilo" che annovera numerosi concerti, celebrazioni liturgiche e rilevanti collaborazioni tra le quali quella con Flavio Colusso del 2009.

 

Vincitrice di una borsa di studio, nel 2008 ha preso parte al corso di alta formazione specialistica post-lauream "MUSAN - autori e fonti pugliesi della musica sacra secc. XIV – XVIII" partecipando ad uno stage di produzione in Inghilterra che le ha permesso di conoscere altre figure importanti del panorama musicale internazionale specialistico del settore come Nino Albarosa, Giacomo Baroffio e Jérome Côrreas.

 

Collabora con voci liriche, strumentisti e artisti di vario genere, anche in qualità di arrangiatrice.

Svolge dal 1997 attività di accompagnamento e collaborazione, all'interno del Conservatorio di Lecce, sia in qualità di pianista che di clavicembalista/continuista nelle classi di violino, violino barocco, percussioni, flauto traverso, flauto a becco, traversiere, canto barocco, musica d'insieme e danza rinascimentale, al fine di saggi, esercitazioni di classe e concerti.

 

Più volte brillantemente sul podio dei premiati nei concorsi nazionali ed europei, tra i quali il Concorso pianistico nazionale "Città del Barocco" - Lecce - (1° premio), il Concorso Pianistico Nazionale "Città di Valentino"- Castellaneta (TA) (2°premio), il Gran Premio Europeo della Musica "Mendelssohn - Cup" - Taurisano (LE) (2°premio), attualmente affianca la sua carriera concertistica all'attività didattica ed all'approfondimento della composizione con i maestri Paolo Tortiglione e Giuseppe Gigante.

 

Scrive, inoltre, per i giornali on-line “CorriereSalentino.it” e “SalentoinLinea”, la rivista semestrale cartacea “Shanthi” di Milano, occupandosi del settore Arte, Musica & Spettacolo. 

vai su facebook

clicca per avere info su Pamela

clicca qui per altre info su Pamela

 

 

Hanno detto di lei...

 
«Avete veramente un istinto eccezionale, un istinto che, se lo tagliate a pezzetti, potete fare pure quattro o cinque musicisti. Un istinto che è un poco da cavallo selvaggio… Però un cavallo selvaggio che ci sa fare. Una musicalità di prim'ordine, veramente. Sono sicurissimo che farete molta strada».

Maestro Giuseppe A. Pastore, docente, musicologo, compositore, nonché ex- direttore del "Conservatorio Tito Schipa" di Lecce, 2011

 
«Quando la musica sa emozionare, incantare, trasportare in dimensioni inesplorate, dove le note si fondono e regalano magie. È la musica firmata Pamela, è la musica che cattura, è la musica che nasce da una profonda conoscenza acquisita in anni di studio. Mai banale, sempre alla ricerca di virtuosismi che impreziosiscono le interpretazioni, Pamela sa regalare sensazioni che restano impresse prima nell'anima e poi nella mente. Una musicista completa, senza sbavature, con una personalità forte e con il dono dell'interpretazione che riesce a catturare chi ascolta. In una sola parola, unica».

 Antonio Mazzo, poeta salentino, 29 ottobre 2011

 

«Suoni come quando apri quella finestra per osservare un bel paesaggio; dentro hai qualcosa di misterioso che emerge e lo rende ogni giorno diverso. Mi piace molto… E le mani ti camminano molto bene».

 Maestro Walter Blankenheim, Direktor Internationaler Klavierwettbewerb J.S.Bach, 2003

  inserito 23.10.2013

L'utilizzo degli scritti e delle immagini di questo sito WEB è libero e gratuito.

Si rilascia l'autorizzazione per eventuali usi ma si fa obbligo, senza alcun compenso, di indicare nome
e cognome degli autori. ( Art. 10 DLGS 154/97 )